CIRCOLARE DEL DIRETTORE REGIONALE

Ministero dell'Istruzione, dell' Università e della Ricerca
Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana
Direzione Generale

Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado della Toscana Loro sedi

e, p.c. All' Assessore all' Istruzione, Formazione, Politiche del lavoro e Concertazione della Regione Toscana. P.zza della Libertà 15 Firenze

Al Presidente IRRE Toscana - Via Lombroso n. 6/15 Firenze

Ai Dirigenti dei Centri Servizi Amministrativi della Toscana. Loro Sedi

Ai Referenti per l' educa-zione scientifica presso i C.S.A. della Toscana Loro Sedi

Oggetto: Educazione scientifica e tecnologica nella scuola.

In relazione alle iniziative già intraprese nell'ambito del "Progetto speciale per l' educazio-ne scientifico-tecnologica", finalizzate a sostenere la professionalità degli insegnanti e l' organizzazione delle risorse per l' insegnamento scientifico, è intenzione di questo Ufficio riprendere ed ampliare le azioni per lo sviluppo della cultura scientifica, valorizzando le ini-ziative che anche altre Istituzioni stanno sviluppando nello stesso settore e migliorando il livello di fruibilità da parte delle scuole delle numerose opportunità offerte dal territorio.

A tal fine è stato recentemente sottoscritto un Protocollo di Intesa per lo sviluppo dell' edu-cazione scientifica da parte della Regione Toscana, dell' Istituto Regionale per la Ricerca Educativa e di questo Ufficio Scolastico Regionale. L' intesa presuppone, fra l' altro, la par-tecipazione di docenti universitari dei tre Atenei toscani, riuniti in un Comitato Scientifico già costituito. (Si allega copia del protocollo di intesa e l' elenco dei componenti del Comi-tato: allegati A e B)

La proposta che viene rivolta alle scuole da parte degli Enti firmatari dell' Accordo consiste essenzialmente di tre aspetti:

a) Informare il maggior numero possibile di insegnanti dei diversi ordini di scuola dell'esistenza di una banca dati regionale ( www. Progettotrio.it - clik su Area Open in fondo alla pagina) ad accesso gratuito, nella quale possono individuare esperien-ze di insegnamento scientifico, validate dal Comitato Scientifico e condotte da col-leghi e con cui mettersi in contatto.

b) Segnalare al Comitato Scientifico le esperienze di insegnamento scientifico presenti nelle scuole toscane dei diversi ordini, ritenute innovative dal punto di vista metodo-logico didattico e del percorso formativo.
La segnalazione che le scuole faranno ad uno dei tre CRED (Centri Risorse Educa-tive e Didattiche) regionali coinvolti nel Progetto ( in allegato si trova l'indicazione dei responsabili ed i relativi recapiti: allegato C ) darà luogo all'invio da parte dei Cred stessi di un operatore per la descrizione e la raccolta della documentazione dell'esperienza, secondo le griglie di documentazione già predisposte dal Comitato, (allegato D). Il materiale raccolto verrà illustrato dagli operatori stessi al Comitato Scientifico che procederà alla validazione o meno dell'esperienza presentata, sulla base di criteri da esso elaborati ( che pure si allegano: allegato E ).
L'esperienza validata, tradotta telematicamente da uno specifico operatore messo a disposizione dal Cred di Scandicci, verrà inserita nella banca dati del Progetto Trio della Regione Toscana ( area open ) a disposizione di tutti gli insegnanti.

c) Usufruire di un programma di formazione in servizio, diffuso su tutto il territorio re-gionale, che muovendo dall' esame di alcune delle esperienze validate dal Comitato scientifico, sviluppi una riflessione sugli aspetti epistemologici e metodologico-didattici dell' insegnamento scientifico e offra - con il supporto di docenti tutor - oc-casioni di progettazione assistita in itinere per gli insegnanti che intendono realizza-re nella propria classe unità di lavoro (percorsi didattici per un numero definito di ore) in ambito scientifico-tecnologico. Si allega un prospetto con il programma provvisorio degli incontri: periodo di svolgimento, destinatari, attività. (allegato F ).
Si fa presente, fin d' ora, che per motivi organizzativi le iscrizioni alla formazione dovranno essere raccolte entro il 10 giugno p.v.


Il progetto verrà presentato direttamente in ciascuna provincia da rappresentanti del "Co-mitato paritetico", che ha il compito di realizzare quanto previsto dal protocollo di intesa, nel corso di Conferenze di servizio che si svolgeranno secondo il calendario di seguito in-dicato, alle quali le SS.LL. sono invitate a partecipare direttamente o tramite un insegnante delegato a seguire l' iniziativa.

Gli incontri saranno introdotti dai referenti di questo Ufficio all' Interno del Comitato scienti-fico: isp.re tecnico Gian Luigi Spada per le province di Arezzo, Firenze, Prato e Siena e dal Dirigente scolastico Sauro Querci per le restanti province.

 

PROVINCIA
DATA
ORARIO
RELATORI
SEDE
AREZZO 7 MAGGIO 10.00 Isp.Tec.G.Luigi Spada .T.I. GALILEI - Via Dino Nenci(Tel. 0575/ 313209
FIRENZE 8 MAGGIO
(Circoli ed Isti-tuti Compren-sivi)
9,30 Isp.Tec.G.Luigi Spada S.M. Arnolfo di Cambio-Beato Angelico - Via Leoncavallo n. 12 Firen-ze.
FIRENZE 8 MAGGIO
(Scuole secondarie di I e II grado)

11,30
Isp.Tec.G.Luigi Spada S.M. Arnolfo di Cambio-Beato Angelico - Via Leoncavallo n. 12 Firen-ze.
GROSSETO 9 MAGGIO 10.00 Dott. Querci Sauro Direz. Didattica I CircoloVia Einaudi
LUCCA 7 MAGGIO 10.00 Dott. Querci Sauro I.S.I. Nottolini Via Bar-santi e Matteucci
LIVORNO 8 MAGGIO 15.00 Dott. Querci Sauro I.T.T. GALILEI Via Galilei n. 68
MASSA 7 MAGGIO 15.00 Dott. Querci Sauro Ist. Magistrale "MONTESSORI" (Marina di Carrara)
PISA 8 MAGGIO 10.00 Dott. Querci Sauro I.T.C. PACINOTTI Via B. Croce
PISTOIA 6 MAGGIO 11.30 Isp.Tec.G.Luigi Spada SC.MEDIA A. FRANK Via Donati n. 19
PRATO 6 MAGGIO 9.00 Isp.Tec.G.Luigi Spada C.S.A. Prato Via Dell' Accademia n. 22
SIENA 7 MAGGIO 15.00 Isp.Tec.G.Luigi Spada I.T.I. SARROCCHI Via Pisacane n. 3 (Tel. 0577/ 264111)



Si ringrazia per la cortese attenzione

IL DIRETTORE GENERALE
Cesare Angotti